Non c’è niente da fare, quando Tolkien chiama è dura resistere. Visto che negli ultimi giorni la febbre per la Terra di Mezzo sta salendo vertiginosamente – è solo un periodo, tranquilli passerà tra un pò – tra trailer imminente del film ‘The Hobbit – An Unexpected Journey‘, gioco Wii ‘The Lord of the Rings – Aragorn’s Quest‘ in arrivo a casa, lancio del gioco ‘LEGO – The Lord of the Rings‘, lettura appassionata del capolavoro tolkeniano finalmente in lingua originale e nuove versioni Bompiani per ‘Il Signore degli Anelli‘ e ‘Lo Hobbit‘, ho deciso di mettere mano al portafogli per portare nella mia collezione l’ultimissima edizione, appunto, de ‘Lo Hobbit’.

Questo acquisto testimonia l’effetto delle onde ‘maniacali’ di acquisto di prodotti legati ad un nome, la capacità che ha un brand di rianimare diversi segmenti di mercato accomunati da un qualcosa. In questo caso mi pare che sia l’imminente film di Peter Jackson su ‘Lo Hobbit’ a smuovere le acque…

Comunque sia, la mia vecchia versione, quella che sicuramente molti fan avranno in casa, è parte della libreria Adelphi (libro tascabile, copertina rosso fuoco). Con tutto l’affetto che posso provare verso questo libro (un dono natalizio della mamma), però, non ho ancora perdonato le scelte del traduttore per i nomi di alcuni oggetti e alcune creature, che stonano tantissimo con quelli che conosciamo tutti. Per quanto più fedele al vero significato, ‘Hobbitopoli’ non si può proprio sentire, per esempio; ‘Hobbiville’ invece è un nome decisamente più elegante, leggero… uhm… rispecchia meglio il vero carattere del luogo e dei suoi abitanti, ecco. Oltre ai nomi, ciò che la versione Adelphi non mi ha mai comunicato è l’invito alla lettura. In tutta sincerità un libro stampato male, col font sbagliato, ti fa provare di tutto meno che la voglia di leggere. Purtroppo la versione Adelphi ha avuto su di me questo deprimente effetto.

Per queste due ragioni approfitto del prezzo relativamente basso della nuova versione tascabile Bompiani per gustarmi ancora una volta il grandioso racconto delle avventure di Bilbo, in attesa di poterlo recensire qui sopra non appena la lettura sarà terminata.

Annunci