E’ una giornata di lutto, per tutto il mondo dello sport. Questa mattina, alle ore 10.56 ci ha lasciato per sempre un grande campione del motociclismo italiano, una promessa che stava diventando realtà sotto gli occhi di tutti. Il mondo piange Marco Simoncelli, e io sono in mezzo a costoro.  Le mie non sono lacrime di circostanza, sono le lacrime di una persona che capisce qual’è il valore di una vita umana e cosa vuol dire perderla. Marco era un ragazzo semplice, solare e soprattutto caparbio. Non mollava mai, neanche quando le cose andavano male. Ce la metteva tutta, sempre. ‘E’ morto in sella alla sua passione’ ha ben detto qualcuno. Giusto. Però rimane la rabbia e la tristezza per una morte avvenuta nel pieno della sua giovinezza, a 24 anni. Perché succedono queste cose, perché? Marco era la promessa, il prossimo Valentino Rossi; Marco correva col sorriso sulle labbra, ti rallegravano le sue interviste, ti rallegrava il suo aspetto, con questi ricci voluminosi infilati a forza nel casco, prima di ogni gara. Marco era… Marco. Semplice, unico. Il Sic è entrato nel cuore di tutti per quello che aveva dimostrato di essere a livello agonistico e a livello umano. Ecco perché tutti piangono la sua scomparsa. Non è cambiato negli anni, è rimasto il Sic di sempre: non sono bastati i soldi e la fama, lui era Marco e basta.

E’ un trauma troppo grande, non riesco a mettere giu parole che descrivano la mia tristezza e  il mio stato d’animo attuale. Con Marco è come se fosse morta una parte di me. Si, anche se non sto seguendo assiduamente la MotoGP quest’anno, è come se avessi perso un parente perchè Marco rappresentava quello che tutti gli sportivi dovrebbero essere: un agguerrito in cerca di vittorie a tutti i costi, giusto, caparbio e molto, molto semplice. Il Sic mancherà al mondo dello sport. Mancherà a me, che non lo conoscevo neanche di persona. Mancherà a tutti coloro che amano il motociclismo.Mancherà a tutti quelli che amano gli sportivi veri.

Riposa, campione. Il tuo nome resterà per sempre scolpito nei nostri cuori.

Advertisements