Avevo promesso a me stesso di non andare al cinema questa volta. Non per Transformers. Dark of the Moon promette di essere un grande film così come prometteva faville Revenge of the Fallen. E, come per Revenge of the Fallen, la critica ci sta andando pesante con questo terzo film. All’epoca trovavo che parte delle critiche mosse a Revenge of the Fallen fossero giustificate, mentre altre le trovavo eccessive; col tempo il mio giudizio sul secondo film è però peggiorate notevolmente.

Stasera vado al cinema e vado a guardare questo Dark of the Moon. Ci sono ragioni diverse per le quali ho preso questa decision, alcune valide, altre poco razionali. Da una parte c’è la curiosità e la voglia di concedere una seconda occasione a Bay (la sola delusione per me è stata con Revenge of the Fallen), dall’altra parte c’è la voglia di concludere l’esperienza al cinema. Ci sono poi ragioni che scadono nell’assurdo, del tipo “ho vissuto dei bei momenti al cinema col primo e voglio vedere questo film con le stesse persone di 4 anni fa”. Aspetti che nessuno capirà ma che io avverto chiaramente e capisco fin troppo bene. Quindi stasera ci sediamo in sala scettici: dopo il pastrocchio confusionario e privo di animo che è stato Revenge of the Fallen proviamo ad apprezzare gli sforzi di questo Dark of the Moon.

Advertisements