Allora, Cloverfield. Visto finalmente, e "ottenuto". Che dire? Beh, iniziamo col ribadire che, grazie ai numerosi spoiler letti e a quello che ho sentito dire dai miei net-friend, era un film che già conoscevo: volevo solo vedere come lo avevano realizzato. E sono rimasto molto soddisfatto. Non ho mai visto un film come cloverfield, per il livello di realismo che il regista e il produttore hanno saputo imprimere a questa sorta di "registrazione a mano degli eventi". Non ha difetti di sorta. E’ un film che può anche non essere classificato tale: la storia è solo un fuggi di qua e di la, mentre la città diventa un inferno, i personaggi non evolvono, non si ha un vero e proprio finale, il tutto non lascia nessun messaggio. Come può quindi una pellicola di questo tipo piacere alla gente? Semplice: perchè fa da documentario di una situazione all’apparenza impossibile ma che, grazie alle riprese (videocamera digitale a mano…), diventa ai nostri occhi possibilissimo. E’ una lotta per la sopravvivenza di un gruppo di giovani che si trovano nel caos di Manhattan, improvvisamente. Senza preavviso. Si vive il terrore di un’invasione aliena, o di un esercito nemico. I palazzi cadono e si sfacellano al suolo, per le strade i carri armati guerreggiano senza fine, la gente scappa terrorizzata, abbandona la città sperando di sfuggire all’orrore di qualcosa, qualcosa di mostruoso nel vero senso della parola, e che ci ha trovati. Cos’è? Da dove viene? Perchè non torna in acqua, da dove è venuto? Sono sempre esistiti mostri così nelle profondità dell’oceano? E’ stato ucciso alla fine del film? Ha funzionato il "tabula raza" dell’esercito? Non lo sappiamo. Ed è questo un altro punto di forza della pellicola: noi che guardiamo possiamo solamente fare delle congetture, immaginare che sia andata così, o in un altro modo. Il regista non ci spiega niente, i malcapitati, dei quali osserviamo gli ultimi tragici momenti, non capiscono cosa stia succedendo e perchè stia accadendo, e noi con loro.

Se le persone sono andate al cinema preparandosi ad una storia d’amore hanno sbagliato completamente. Cloverfield ci tira in un inferno terrificante, senza spiegarci nemmeno il perchè. Forse perchè certe cose non devono neanche essere spiegate.

Voto: 10/10.

                 

Annunci