Ieri sera grande festa al S. Isidoro – che non è una discoteca, bensì il mio caro collegio – per dare il benvenuto alle matricole di questo nuovo anno accademico. Lorenzo, come è giusto che sia viste le sue doti in campo teatrale, ha dominato l’umorismo generale con i scuoi schecc’ (credo si scriva così… A bocca aperta), mentre Domenico e Andrea si sono proposti nelle vesti alquanto carine del presentatore e del copresentatore per la guida della serata. Io alla regia Perplesso. Avrei preferito qualche giorno di prove in più a dire il vero, ma nonostante questo posso dire che la mia conduzione video-musicale è stata accettabile. Ci siamo divertiti e, cosa più importante, abbiamo fatto divertire. Mettiamo le cose in chiaro. Con più tempo a disposizione e maggiore libertà artistica con Lorenzo di poteva inscenare di tutto. Parlare di benvenuto alle matricole non ci ha permesso però di inserire interventi umoristici davvero forti (e qui il caro Lorenzo è un pozzo di battute), ma alla fine lui è una sorta di maestro ai miei occhi, e quello che ha fatto ieri sera è stato a dir poco prodigioso: io al posto suo, di fronte a tante persone, sarei crollato (non ho la forza di parlare davanti a tanta gente…). Invece lui no, fermo, statico quasi, come se parlasse di fronte a due-tre amici. Sono esperienze belle. Un giorno riguardando i video di quella serata penseremo: “guarda quanto eravamo scemi allora!” Oppure, “io facevo parte dello staff organizzativo”, e via dicendo.

Vabò, adesso mi preparo a studiare, ho molto da fare.

Annunci