Allora… sto leggendo finalmente "Il Codice Da Vinci", il famosissimo libro di Dan Brown. Bene, dico solo che fin qui è interessantissimo l’argomento e che alcuni tratti mi sorprendono.
Preciso che ho già visto il film – povero me, mi ero promesso di non vederlo prima di leggere il libro, e come al solito ho fatto il contrario – quindi già so come va a finire il tutto. Ma sono convinto che leggere il libro è meglio che vedere il film. Credo che seppur sia stato girato bene, qualcosa di sicuro mi è sfuggita e devo coglierla dal libro. E poi l’argomento, per quanto non sia uno dei miei preferiti, è bene approfondirlo. "Il Codice Da Vinci" sarà anche un bellissimo thriller, ma devo ammettere che tratta di argomenti un pò "caldi". Fino ad adesso la mia lettura mi ha portato a leggere che questa misteriosa società segreta, quella del Priorato di Sion, annoverava tra i suoi più importanti uomini, personaggi come Da Vinci, Hugo, Newton (Da Vinci addirittura fu grande Maestro dal 1510 al 1519…, mah), che tramandavano un segreto. Oh, per carità, l’argomento è interessantissimo, ma la veridicità storica di tutto ciò?? Mi piace pensare che il libro sia solo un racconto inventato, ma quando mi trovo di fronte a passi della Bibbia, e vedo che quei passi ci sono davvero e penso che magari non tutto quello che l’autore ipotizza è fasullo… beh mi preoccupo. Sul serio! Non sono un cristiano ferrato che ogni giorno va a messa (anzi a dire il vero mi vergogno un pò… è tanto che non vado a messa…), però ho la mia visione di Dio. Trovarmi di fronte a qualcosa che annulla tutto ciò in cui ho creduto fino ad adesso, mi farebbe star male. Così come ci sono rimasto male quando ho capito che l’Opus Dei esiste davvero… e che l’autore Dan Brown ne ha incotratoalcuni membri, per farsi raccontare la loro esperienza nella società… oh, ma davvero esiste sto braccio della Chiesa?? Io pensavo che pratiche di quel genere fossero ormai trapassate da secoli. Invece mi accorgo che in segreto qualcuno le pratica ancora!!! Adesso comprendo il casino che l’autore ha provocato anni fa… Ovvio che pubblicare un romanzo del genere, tratto da ricerche da lui stesso effettuate, stravolge. Stravolge in quanto rivela che il Figlio di Dio, in realtà non era il Figlio di Dio… o lo si può vedere come "il Figlio di Dio ha una discendenza". Ora le cose che mi passano per la testa sono due:
 
  • la Chiesa teme che da questa vicenda possa nascere un equivoco inimmaginabile, con perdita del suo "potere" sui cristiani; cioè la Chiesa sa che sono cose fasulle, dalle quali guardarsi…
  • la Chiesa teme che da questa vicenda possa nascere quello che ha evitato per secoli: la perdita del suo "potere" sui cristiani; cioè la Chiesa sa che sono cose vere, che nessuno deve mai sapere…

Quest’ultima probabilità mi lascerebbe del tutto scioccato. Mi sentirei tradito. Tradito da chi, sempre, ha educato all’amore per il prossimo. Tradito da una guida. Cosa penserebbe ognuno di noi, nell’apprendere che i Vangeli non dicono tutto il vero e che ci sono altre cose… raccontate da Vangeli non così diffusi (si prenda per esempio quello di Tommaso, di Giuda, ecc…)???

 

 

 

Advertisements